martedì 15 novembre 2011

Piccolo e anche brutto

Stamattina prima di andare al lavoro ho dato un'occhiata al mio piccolo orto sommerso dalla brina,ad essere sinceri non ho visto grandi cose,le 6 piante di cavoletti sembrano paralizzate,frutti grandi come noccioline,dei cappucci non voglio neanche parlarne,si sono beccati tutte le malattie immaginabili e mi è toccato reimpiantarli.
I radicchi di Treviso sono belli ma non eccezionali,i variegati di Castelfranco e i Chioggiotti non hanno ancora una palla decente,le insalate e i porri così così,non sono soddisfatto per niente,insomma c'è qualcosa che non va.
Non voglio dare la colpa al troppo caldo,al clima che non è più quello di una volta e quindi?
Quindi il terreno del mio orto è troppo sfruttato,si è impoverito,il compost non basta,ci vorrebbe qualche tonnellata di letame che non riesco a reperire,le vacche nei paraggi si sono estinte.
Venerdì scorso si stava parlando anche di questo con Losmogotes ma io ho fatto cadere il discorso con una mia scemata,sich!

4 commenti:

  1. Sono tutt'altro che un'esperta,ma forse potresti mettere letame pellettato, cornunghia, litotamnio,scorie azotate,o concimi organici tipo Prodigy plus o Nutrifert. Comunque condivido lo scoramento....

    RispondiElimina
  2. Io oltre al compost, aggiungo nei solchi dove pianto le verdure anche un po' di stallatico quello in sacchi. Certo il letame sarebbe meglio, ma è difficile da trovare e anche problematico da caricare! Se lo caricassi in auto,penso che verrei poi cacciato!

    RispondiElimina
  3. PattyLoc-e Ortolano:Ma lo stallatico quanto tempo prima di seminare lo buttate?

    RispondiElimina
  4. Io lo metto al momento del trapianto delle piantine nei solchi, bagno i solchi e poi via col trapianto. Così quando successivamente innaffio filtra nella terra.

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...